mercoledì 13 febbraio 2008

Velocità, multe e quel "patacca" di Valentino


Io ho preso una multa. Una di quelle per eccesso di velocità rilevate dai vigili urbani, quando a fine anno i comuni devono far cassa. L'unica degli ultimi 10 anni. Andavo alla velocità "siderale" di 72 km/h in un tratto di statale in cui il limite era di 60.


Anche Valentino (che solitamente corre a 300km/h) ha preso una multa. Il ministero delle Finanze ha verificato che aveva adottato un escamotage (trasferimento fittizio della residenza in UK) per una complessiva evasione di 120 milioni di euro.

La mia multa di circa 140 Euro, causa un vizio di forma (errato indirizzo del luogo ove si era verificata l'infrazione) non è stata pagata subito. Dopo due anni mi è stata notificata una cartella esattoriale per circa 550 euro. Tre volte l'importo della sanzione iniziale. Ho immediatamente cercato di rateizzare il pagamento.
Tutto quello che ho ottenuto è stata la dilazione di 6 mesi per versare l'intero importo, sovrattasse e diri
tti compresi.

Anche Valentino ha impostato una transazione con l'agenzia delle entrate sulla base della quale ha raggiunto l'accordo per un versamento di soli 35 milioni di euro. Circa il 30 % dell'importo evaso e a rate: un risparmio di 85 milioni di euro!

Morale : le sanzioni sono inversamente proporzionali alla velocità a cui vai nella vita!



Ah dimenticavo! Valentino è quello lì, quello che si drappeggia col tricolore mentre beve birra.
Proprio quel "patacca" lì!

Nessun commento:

L'accalappiaPOST

La confraternita dell'uva