sabato 9 maggio 2009

A cento passi da zù Tanu


9 Maggio 1978 - 2009

Un mare di gente a flutti disordinati
s'è riversato nelle piazze,
nelle strade e nei sobborghi.
E' tutto un gran vociare
che gela il sangue,
come uno scricchiolo di ossa rotte.
Non si può volere e pensare
nel frastuono assordante;
nell'odore di calca c'è aria di festa.

E venne da noi un adolescente
dagli occhi trasparenti e dalle labbra
carnose,
alla nostra giovinezza
consunta nel paese e nei bordelli.
Non disse una sola parola
nè fece gesto alcuno:
questo suo silenzio
e questa sua immobilità
hanno aperto una ferita mortale
nella nostra consunta giovinezza.

Nessuno ci vendicherà:
la nostra pena non ha testimoni.


Peppino Impastato


"Sei andato a scuola? Sai contare?""Come contare?""Come contare?1,2,3,4,sai contare?""Si,so contare""Sai camminare?""So camminare""E contare e camminare insieme lo sai fare?""Si!Penso di si!""Allora forza!Conta e cammina!dai... 1,2,3,4,5,6,7,8...""Dove stiamo andando?""Forza!Conta e cammina!9... 90,91,92,93,94,95,96,97,98,99 e 100!Lo sai chi ci abita qua?A?U zù Tanu ci abita qua!!""Cento passi ci sono da casa nostra,cento passi!"

(tratto dal film "I cento passi" di M.T.Giordana)

Nessun commento:

L'accalappiaPOST

La confraternita dell'uva