martedì 12 agosto 2008

Ossezia: una telefonata nella notte

Il duro mestiere del portavoce.

Porto Rotondo, una notte di mezza estate...

- Pronto, Vladimiro?

- Da,da...

- Non mi riconosci?
- Niet...

- Cribbio, ma sono quel mattacchione di Silvio!
- Silvio?
- Quello delle corna, delle pacche...
...e della dritta sul tacco occulto,sshhh...
- Da, Silvio! Como tu stare?

- Io? Beh mi godo finalmente le ultime fatiche, sai l'immunità a vita, tennicamente detta "lodo" eheheh...
e sono nella mia piccola dacia al mare. Quella col parcheggio interno per i sommergibili...
- Da Silvio, vecchio mandrillo!

- ...azz...è arrivata fin lì la storia delle confidenze sulle doti del mio ministro?

- Como?

- Sei a Como? A caccia di badanti eh?
Ma in Tv dicevano che eri a Mosca...
Questo Tg3 Telekabul! ...azz...scusa Vladimiro non volevo rigirare il coltello nella piaga...
Non me lo spiegavo infatti come da Mosca avessi potuto bombardare fino in Georgia, e' vicino il Texas, no?
Mi stavo preoccupando per il ranch del mio amico George W. che è in gita a Pechino...
- Como?
- Si ho capito, sul lago...potrei ospitarti ad Arcore, da lì non sarebbe lontana ma troveresti solo qualche servitore, e neanche dei più fidati...Nessuno stalliere eheheh, tutti in vaca
nza con Vincenzino.
- Ar...còre?

- Che fai parli romanesco? Ma starà mica diventando di moda pure a Mosca il "se po' ffà" del principale politico a me avver
so...Ti presto l'Emilio per Telececenia?
- Como?

- Uehh Vladimiro mi stai invecchiando, continui a ripetere le stesse cose. Devi fare come me per mantenerti giovane, eheh
eh...
- Da, da, Silvio!
- Vabbè...(rassegnato)...adesso ti lascio, e mi raccoman
do dagli sotto Vladi!
Riaggancia.
Rivolto al portavoce:

- Questo non è più il Vladimiro di qualche anno fa...D'
altronde ha lo stesso nome di Luxuria...
- Ma... Presidente e l'Ossezia?

- Sempre qui a parlare di malattie. Ora anche gli ossiuri!

Ma lo volete capire che sono in vacanza... Provi a chiamare la Brambi, che magari ha già avuto esperienza con i suoi cagnolini...

Nessun commento:

L'accalappiaPOST

La confraternita dell'uva