venerdì 1 agosto 2008

Moccia: ritorno. Ma io non ho voglia di te!

Dopo tre romanzi e due film lo scrittore dei teenager Federico Moccia annuncia il ritorno con un nuovo romanzo: "Amore 14".

Indovinate un po' di cosa narrerà?

L'originalissima "storia di un anno di una ragazza accompagnata in tutte le sue emozioni, primo amore compreso"
dichiara compiaciuto all' Ansa il figlio dello scomparso Giuseppe Moccia in arte Pipolo ,noto sceneggiatore di diversi film-cassetta degli anni '70/80.

E la cassetta sembra essere anche la bussola di questo figlio d'arte: già previsto un film tratto dalla "nuova creatura" con tanto di battage pubblicitario in corso...ad affiancare la vendita di gadgets vari.

Ma non siete mai stati curiosi di vedere l'autore romano giocare con temi più scapigliati (!) e non con la solita mocciosetta esistenzialista? Eppure i titoli c'erano quasi. Mancava soltanto qualche piccolo ritocco qua e là...

Ad esempio che ne avreste detto di un "Tre metri sopra il cero": torbida storia fetish d'ambientazione conventuale, rigorosamente vietata ai minori, che avrebbe incrementato le vendite di burro come e meglio dell''ultimo tango parisien?


Oppure di un
omo-western dal titolo "Ho voglia di Tex" nel quale Kit Carson rivela il suo amore per l'amico ranger di sempre, incatenando lucchetti a un cactus? Sarebbe stata una splendida anticipazione di Brokeback Mountain!


E quale arguta commedia interrazziale romano-maghrebina si sarebbe potuta nascondere dietro a un titolo come
"Scusa ma te chiamo: a moreeè"?
Sono certo che avrebbe fatto impallidire il ricordo di "Indovina chi viene a cena".




Non vi sembra un vero e proprio festival di occasioni perdute?

Nessun commento:

L'accalappiaPOST

La confraternita dell'uva