lunedì 10 marzo 2008

Il pane e le rose


Ora che tutto il clamore della festa è finito.
Ora che le celebrazioni, i convegni, le mostre e i presidi sono deserti.
Ora che i riflettori delle discoteche aperte alle sole donne
sono spenti.
Ora che ristoranti e pizzerie hanno fatto i conti degli incassi del sabato da tutto esaurito.
Ora che gli streap-teasers per sole donne dormono.

Ora che le mimose sono appassite.

Ora, giorno dopo giorno, ricordiamo, denunciamo e soprattutto cambiamo la situazione
di discriminazione di genere alle quali sottoponiamo ancora le donne, il loro corpo, il loro cervello.

Perchè i maschi possano dividere con loro il sapore del pane quotidiano e non solo il raro profumo di una rosa.

Ora!

Nessun commento:

L'accalappiaPOST

La confraternita dell'uva