venerdì 24 aprile 2009

Quelli che il 25 Aprile lo festeggiano...


"Ho agito a fin di bene e per un’idea.

Per questo sono sereno e dovete esserlo anche voi."






Mi’ nòn am’ dsgiva:
“al sèèt tè, che mé
san stè in tì partisèèn?”
“nòn, mé ed politica
an capiss mja gninta”- disiva me
“ma infàt ai’n’era mja d’la politica;
a’i eren dì bosc negher
indovv ti stèvi òr e dé e setmèni
con ‘na fèm un bùr e ‘na pòra
e’d mòrìr adòss
comm’ i’ han sulament al bésti”
-am rispondeva lù.




Mio nonno mi diceva
“lo sai tu, che io
sono stato nei partigiani?”
“nonno, io di politica
non capisco niente” – dicevo io
“ma infatti non c’era della politica;
c’erano dei boschi bui
dove stavi ore e giorni e settimane
con una fame un buio e una paura
di morire addosso
come hanno soltanto le bestie”
- mi rispondeva lui.


Da “D’in nciun là”,
di

3 commenti:

Stefi ha detto...

Presente!
Buon 25 aprile a te!

¡Hasta Siempre Resistencia!

Stefi

wendy ha detto...

Molto bella questa poesia...
Ciao!
Paola

roberto c. ha detto...

Eh si, bella davvero.
Come sa esserlo solo la vita vera faticosamente ben spesa e al riparo dalla retorica.

Ciao

L'accalappiaPOST

La confraternita dell'uva