mercoledì 21 aprile 2010

2763 primavere


Tra mito, leggenda e storia.
Più gloriosa e magnifica quella antica rispetto all'attuale.
Sempre e comunque immortale. Buon compleanno alla mia città.
Auguri Roma.



S.P.Q.R. di G.G.Belli

Quell'esse, pe, cu, erre, inarberate
Sur portone de guasi oggni palazzo,
Quelle sò quattro lettere der cazzo,
Che nun vonno dì gnente, compitate.

M'aricordo però che da ragazzo,
Quanno leggevo a fforza de fustate,
Me le trovavo, sempre appiccicate
Drent'in dell'abbeccé ttutte in un mazzo.

Un giorno arfine me te venne l'estro
De dimannanne un po' la spiegazzione
A don Furgenzio ch'era er mi' maestro.
Ecco che m'arispose don Furgenzio:

"Ste lettre vonno dì, sor zomarone,
Soli preti qui reggneno: e ssilenzio".
Foto concessa in CC di Oscar Palmer

1 commento:

St ha detto...

...la Chiesa l'ha sempre saputa lunga!! bella questa arguta poesia del Belli!!
Auguri alla tua città, a prescindere!
Ciao.

Stefi

L'accalappiaPOST

La confraternita dell'uva